Quei mutui ‘fantasma’ per il servizio idrico, che rischiano di mandare in dissesto diversi Comuni


Da L’Inchiesta Quotidiano del 21 luglio 2021

Ci sono tra i 10 e i 20 milioni di euro che diversi Comuni della provincia di Frosinone attendono di ricevere da Acea Ato 5 a copertura dei mutui contratti nel periodo 2001-2003 per la realizzazione di opere acquedottistiche o fognarie poi passate nella gestione unica dell’Ato 5. Si tratta di somme aggiuntive rispetto ai 30 milioni di euro – di cui ci siamo occupati da queste colonne nelle scorse edizioni (leggi qui) – che sempre Acea Ato 5 deve (dal 2011!) ai Comuni in cui gestisce il servizio idrico integrato, ai consorzi di bonifica e alla stessa Autorità d’ambito a titolo di canone concessorio.

Continua a leggere “Quei mutui ‘fantasma’ per il servizio idrico, che rischiano di mandare in dissesto diversi Comuni”

Acea Ato 5 si fa beffa degli utenti: “Vuoi il rimborso? Mandami l’autolettura!”


Da L’Inchiesta Quotidiano del 12 luglio 2021 (vai)

Acea come Gollum: “Il mio tessoroooo!”. Il gestore idrico della provincia di Frosinone si tiene stretti i soldi incassati in più nel 2020 e nei primi mesi del 2021, applicando tariffe più alte rispetto a quelle poi adottate dai sindaci, che hanno dimezzato gli aumenti. Si tratta di circa 3,5 milioni di euro che dovrebbero tornare nelle tasche dei cittadini, ma Acea Ato 5 finora ha cincischiato, cercando di prendere tempo e studiano soluzioni “alternative” che le consentano di tenersi il “tessoroooo!”.

Continua a leggere “Acea Ato 5 si fa beffa degli utenti: “Vuoi il rimborso? Mandami l’autolettura!””

Acea Ato 5, il gestore idrico deve restituire 2,7 milioni agli utenti per la mancata depurazione


Da L’Inchiesta Quotidiano del 29 giugno 2021 (vai)

Rimborsi per la depurazione, Acea Ato 5 si tiene in tasca 2,7 milioni di euro che gli utenti non hanno richiesto indietro. Ma una decisione della Cassazione rischia di rovinare la festa (e i conti) alla società che gestisce il servizio idrico in provincia di Frosinone. La Procura indaga per peculato.

Secondo le indicazioni che nel 2014 ha dato il Commissario ad acta nominato dal Tar del Lazio, lo scorso 31 dicembre 2020 sarebbero scaduti i termini (5 anni) per reclamare il rimborso delle somme pagate per il servizio di depurazione da parte degli utenti che tale servizio non l’hanno mai ricevuto, poiché non allacciati alla fognatura o allacciati a fognatura che recapitava in un depuratore non funzionante.

Continua a leggere “Acea Ato 5, il gestore idrico deve restituire 2,7 milioni agli utenti per la mancata depurazione”

Acea Ato 5 parla sempre più romano e finisce per dimenticare la Ciociaria.


Da La Provincia Quotidiano online 4 luglio 2021 (vai)

Acea Ato 5 volta le spalle all’università di Cassino e strizza l’occhio all’Ateneo di Tor Vergata. Il gestore del servizio idrico della provincia di Frosinone prende ormai sempre più le distanze dalla Ciociaria e assume con decisione un volto ‘romano’ tagliando rapporti e collaborazioni con il territorio che lo ospita.

Continua a leggere “Acea Ato 5 parla sempre più romano e finisce per dimenticare la Ciociaria.”

Acea Ato 5 , il mistero buffo dei bilanci fatti sparire dal sito internet


Da L’inchiesta Quotidiano del 24 giugno 2021 (vai)

Tutti i bilanci di Acea Ato 5 sono stati fatti sparire dal sito internet della società. Perché? Chi lo ha deciso? Sui conti della Spa che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Frosinone c’è sempre meno trasparenza e si accumulano sempre più dubbi e misteri. Grazie all’archivio internet (archive.org) è sempre possibile vedere come un sito internet era in passato. Siamo andati allora a verificare quali documenti contabili fossero disponibili sul sito di Acea Ato 5 fino a qualche settimana fa: ecco che nella sezione “Chi siamo” apparivano pubblicati e scaricabili tutti i bilanci. Se si prova ora a consultarli, non si trova trovate più nulla. Tutto fatto sparire. Con un colpo di bacchetta magica. Se fino allo scorso febbraio

Continua a leggere “Acea Ato 5 , il mistero buffo dei bilanci fatti sparire dal sito internet”

Acea Ato 5, Er modello de’ Roma e l’inventiva ciociara


Da L’inchiesta Quotidiano del 21 giugno 2021 (vai)

Bilanci in perenne rosso, indicatori della qualità del servizio che lasciano a desiderare, perdite idriche da record additate a livello nazionale, reti colabrodo costruite mediamente 50 anni fa, tariffe tra le più alte d’Italia: la gestione del servizio idrico in Ciociaria è una vera e propria rogna. Ad Acea se ne sono accorti subito, davanti ai primi resoconti della gestione appena avviata, un paio d’anni dopo aver vinto la gara nel 2003.
Avemo preso ‘na sola da niente!” hanno sbottato ai piani “arti” del palazzone de piazzale Ostiense e subito “er gestore” ha iniziato a chiedere più “sordi”; a minacciare di andare via e di portare in tribunale “er piano d’ambito” messo a base di gara perché era “‘na truffa bella e bona!”.

Continua a leggere “Acea Ato 5, Er modello de’ Roma e l’inventiva ciociara”

Acea Ato 5 Frosinone, la Sto chiede conto delle perdite ridotte dalla società solo sulla carta


Da L’Inchiesta Quotidiano del 16 giugno 2021 (vai)

Sui bilanci d’esercizio e bilanci idrici Acea Ato 5 sta scherzando un po’ troppo e rischia di ritrovarsi a breve in forte difficoltà.
Se da una parte, sulle gestioni fino al 2017, ha messo mano anche la procura della repubblica di Frosinone con un’inchiesta che vede gli ex amministratori della società, i componenti del collegio dei sindaci e i revisori dell’epoca rinviati a giudizio per tutta una serie di reati che, a vario titolo, vanno dal falso in bilancio fino al peculato, dall’altra la società che gestisce il servizio idrico in Ciociaria sembra fino ad oggi poco propensa alla piena trasparenza.
Lo scorso 31 maggio, l’assemblea dei soci di Acea Ato 5 Spa – essenzialmente il delegato del socio di maggioranza (Acea Spa che possiede oltre il 98% delle azioni) – ha approvato il bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2020 con una perdita di circa 1,3 milioni di euro.

Continua a leggere “Acea Ato 5 Frosinone, la Sto chiede conto delle perdite ridotte dalla società solo sulla carta”