Provincia. Ancora guai per colpa della società Aeroporto di Frosinone


Da La Provincia Quotidiano del 29 gennaio 2016

di Cesidio Vano
La società Aeroporto di Frosinone procura ancora guai all’amministrazione provinciale che si ritrova ora chiamata in causa dal un ex dipendente, il dottor Mauro De Micco, che avanza richieste ingenti richieste risarcitorie.
L’interessato, infatti, è stato dipendente dell’Adf Spa tra il 2011 e il 2013. Licenziato nell’ottobre di quest’ultimo anno, con la liquidazione della Spa, aveva già chiesto – tramite i suoi legali ed in base alla normativa vigente – di essere Continua a leggere

Annunci

Dossier 3. Inchiesta Aeroporto di Frosinone: stipendi, indennità e gettoni


Da La Provincia Quotidiano del 21 novembre 2015

di Cesidio Vano

3.1 Indennità e gettoni a Cda, revisori e dg
Dalle carte dell’inchiesta: stipendi ai presidenti, al direttore generale e gettoni di presenza.
Ecco quanto ci è costata la società Aeroporto:

Presidenza Scalia
(giugno 2006 – 30 aprile 2009) Continua a leggere

Dossier 2. Inchiesta Aeroporto di Frosinone: aeromodelli, convegni e sponsorizzazioni


Da La Provincia Quotidiano del 21 novembre 2015

di Cesidio Vano

2.1 La piccola flotta, la Mont Blanc e i costosi convegni
L’aeroporto, a Frosinone, non l’ha mai visto nessuno, ma gli aerei sì.
La società aeroporto di Frosinone, infatti, aveva la sua piccola flotta.
Ma piccola davvero.Composta solo di modellini, come quelli acquistati nel 2011 dall’allora presidente dell’Adf Spa, Gabriele Picano.
Nell’elenco delle spese finite del mirino della procura (ieri abbiamo riferito di quelle per viaggi turistici all’estero e per numerose pranzi e cene di ristoranti di mezzo Lazio, leggi qui) e sostenute dalla società Aeroporto di Frosinone, nata per realizzare uno scalo aereo tra il capoluogo e Ferentino, infatti, ci sono anche sei fatture relative all’acquisto di aeromodelli per complessivi 329,70 euro. Continua a leggere

Dossier 1. Inchiesta Aeroporto di Frosinone: le accuse della Procura, i pranzi e i viaggi


Da La Provincia Quotidiano del 20 novembre 2015

di Cesidio Vano

1.1 Le accuse della Procura
La società Aeroporto di Frosinone (in sigla Adf) doveva essere chiusa già dal 2006-2007 quando ormai era chiaro che non c’erano i requisiti per realizzare un simile scalo in Ciociaria. E’ questa la convinzione maturata dalla procura della repubblica del capoluogo a termine delle indagini sulla gestione dell’Adf Spa. Ieri, come già riferito da queste colonne, la procura ha fatto notificare l’avviso di conclusione indagini ai tre ex presidenti che fino al 2013 si sono succeduti alla guida della società: Francesco Scalia, Giacomo D’Amico e Gabriele Picano. L’avviso è stato consegnato anche all’ex direttore generale dell’Adf Alessandro Minotti. Continua a leggere