Lazio. La nuova Giunta tutta di esterni costerà 1,2 milioni di euro all’anno


Da La Provincia Quotidiano dell’1 aprile 2018

di Cesidio Vano
Circa 6 milioni di euro in più nell’arco della legislatura. La nuova giunta regionale, composta solo da assessori esterni, peserà sul bilancio del Consiglio regionale per 1.173.840,12 euro all’anno. Non è, proprio, una novità: anche la prima giunta Zingaretti, varata nel 2013, era composta solo da assessori esterni al consiglio regionale: una decisione che allora generò molte polemiche, non fosse altro per il fatto che, proprio il Pd aveva speso parole di fuoco contro l’esecutivo della precedente governatrice Renata Polverini, che alle nomine esterne (all’epoca 14 su 16) era dovuta ricorrere per recuperare i candidati romani del Pdl rimasti ‘in panne’ dopo che la lista non era stata presentata per tempo nella cancelleria di piazzale Clodio.

La contingenza politica
Fu, allora, una necessità dettata da una contingenza politica come, a ben vedere, lo è oggi per Nicola Zingaretti, che si ritrova con una maggioranza claudicante (la cosiddetta ‘anatra zoppa’) che maggioranza non è e con la difficoltà per il centrosinistra che lo ha sostenuto di garantire una presenza cospicua nelle commissioni consiliari.

Più uomini nelle Commissioni
Lo statuto vieta ai componenti della giunta e al presidente dell’Aula di far parte delle commissioni, per cui se gli assessori fossero anche consiglieri, Pd e alleati conterebbero sempre meno nelle 8 articolazioni permanenti, che istruiscono buona parte del lavoro del Consiglio. Da qui il diktat del governatore: chi sarà eletto assessore deve dimettersi. E da qui la carrellata di nomine esterne con un’unica eccezione, come noto, quella di Massimiliano Valeriani, che si è dimesso l’altro ieri dal consiglio, consentendo così al primo di non eletti nella sua lista, l’ex assessore Michele Civita, di entrare nell’emiciclo della Pisana al suo posto.

La riforma del governo Monti
A dirla tutta, la spesa in più per la giunta esterna è generata, in parte, anche dalle nuove regole, dettate nel 2013 dal governo Monti proprio per contenere i costi della politica regionale, dopo gli scandali – partiti proprio dal Lazio – dei fondi elargiti ai gruppi consiliari e delle allegre gestioni fattene da Franco Fiorito, Vincenzo Maruccio e altri loro colleghi. Erano gli anni della ‘spending review’, magica locuzione che tutto doveva correggere.
Con il taglio dei consiglieri da 70 a 50; con l’equiparazione del trattamento economico degli assessori esterni ai consiglieri in carica e con l’azzeramento di indennità o gettoni per la partecipazione alle commissioni, il resto è venuto da se.
La composizione delle commissioni è legata al numero dei gruppi consiliari (tutti debbono essere rappresentati) e al rispetto del ‘peso’ di ogni gruppo in aula. Più è politicamente frammentata l’Assise più la composizione delle commissioni è articolata, più ‘uomini’ servono in campo.

Il trattamento economico
Ogni assessore esterno, come ogni consigliere, ha diritto all’indennità di carica e di funzione, alla diaria e al rimborso spese. Non ha invece diritto al trattamento previdenziale (la pensione che ha sostituito il vitalizio) e al trattamento di fine rapporto (buonuscita) quando lascerà l’incarico.
La legge regionale fissa l’indennità di carica netta a 4.252,35 euro al netto della trattenuta per l’assegno vitalizio di 1.594,63 euro che, non essendo dovuto, va risommata al primo importo: siamo quindi a 5.846,98 euro, a cui vanno aggiunti 1.485,89 euro per l’indennità di funzione (carica di assessore) e 1.783,08 per quella del vicepresidente della giunta, oltre alla diaria, ossia al rimborso forfettario per le giornate di seduta, pari a 3.503,11 euro.
Ogni assessore, dunque – e per ora Zingaretti ne ha nominato solo 9 su 10 dopo la ‘rottura’ con Liberi e uguali -, ha diritto a 10.835,98 euro netti al mese, per un totale di 130.031,76 euro l’anno che per gli 8 assessori, finora nominati, fa 1.040.254,08 euro annui a cui va sommato il costo del vicepresidente: 11.132,17 euro al mese che fanno altri 133.598,04 euro all’anno. Spesa complessiva annua per la Regione: 1.173.840,12 euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...