Frosinone. Nuovo Provveditorato? Non c’è spazio per l’archivio! Presi a noleggio tre container…


Da La Provincia Quotidiano del 18 dicembre 2016

di Cesidio Vano
Ci sono voluti quasi venti anni per realizzarlo e sono stati spesi 6,8 milioni di euro. Ma non c’è spazio per l’archivio, tanto che la Provincia è costretta a noleggiare tre container per custodire i fascicoli del personale. Parliamo dell’immobile che ospita, da un anno circa, l’ufficio scolastico provinciale, l’ex Provveditorato agli studi per capirci, che però – a quanto pare – non ha spazi sufficienti per i faldoni relativi ai docenti in servizio o già in pensione.   

Come si ricorderà, per far aprire la nuova struttura e consentire il trasferimento degli uffici scolastici dai locali di via Adige (che erano presi in affitto) al nuovo immobile di proprietà della Provincia fu necessario anche l’intervento di Striscia la Notizia, il Tg satirico di Canale 5, che ottenne l’impegno del presidente della provincia Antonio Pompeo tramite l’inviato, Vittorio Brumotti (…abbombazza!!!!) ad accelerare il tutto.

I nuovi locali furono inaugurati in pompa magna ma, a quanto pare, sono in parte insufficienti.

E’ la realtà che emerge dalla determina dell’Amministrazione provinciale con cui si procede a saldare la fattura di 1.830 euro (Iva compresa) emessa dalla società “De Vellis Traslochi & Trasporti Srl” per il noleggio di tre container.

«A seguito del trasferimento del C.S.A. di Frosinone (ex Provveditorato agli Studi, poi Centro servizi amministrativi e ora Usp, ovvero Ufficio scolastico provinciale, ndr), dalla sede di Via Adige alla nuova sede di Via Verdi, trasloco effettuato dalla Società De Vellis Traslochi & Trasporti S.r.l. di Frosinone – si spiega nella determina del Settore Patrimonio -, risultarono non sufficientemente capienti i locali di archivio, in rapporto alle innumerevoli pratiche del personale insegnante, in servizio ed in pensione, gestito dallo stesso C.S.A.».

Il materiale in eccesso fu così sistemato allora in tre container messi a disposizione dalla De Vellis. Socirtà con cui, lo scorso ottobre, la Provincia ha regolarizzato un contratto di noleggio per una spesa complessiva di 1.830,00 euro. Dall’atto, però, non si capisce per quale periodo temporale viene effettuato tale pagamento.

L’assurdo è che un palazzo, appositamente costruito per ospitare gli uffici scolastici, non abbia gli spazi necessari per l’archivio, che è essenziale per quell’attività amministrativa. E la Provincia sia così costretta a farsi carico di altre spese per la custodia dei documenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...