Alvito, sulla ‘Città villaggio degli emigranti’ è scontro tra Comune e Ministero


FR0201-028Da La Provincia Quotidiano del 2 gennaio 2016

di Cesidio Vano
«Un’iniziativa viziata nella forma, arbitraria, lesiva degli interessi del Comune e che manifesta un presumibile abuso di potere».
E’ quanto si legge nel corpo della delibera (leggi qui l’atto) con cui il Consiglio comunale di Alvito ha dato mandato al sindaco, Duilio Martini, di valutare – anche congiuntamente ad un avvocato esperto in materia amministrativa – di agire legalmente contro chi starebbe tentando, da una parte, di coartare la libera determinazione della pubblica amministrazione e, dall’altra, di bloccare la realizzazione di opere, giunte alla fase di progettazione esecutiva.
La vicenda è quella relativa alla ‘Città villaggio degli emigranti’ che dovrebbe sorgere nella piana del paese. Ma, come già scritto nei giorni scorsi da queste colonne (leggi qui), ad inizio dicembre il ministero dei Beni e delle Attività culturali ha avviato la procedura per porre un vincolo paesaggistico su praticamente tutto il territorio comunale dalla vallata fino al Peschio.
L’iniziativa del ministero segue l’opposizione, espressa da alcuni cittadini riuniti in Comitato, alla realizzazione della Città villaggio e la presentazione di un’interrogazione parlamentare sollecitata dagli stessi cittadini depositata alla Camera.
Per il Consiglio comunale, l’iniziativa del Ministero sarebbe finalizzata solo ad ostacolare la realizzazione della città villaggio diversamente da ogni finalità di tutela del paesaggio. In delibera si legge: «appare fin troppo evidente come la proposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico di cui all’oggetto si ponga all’interno di questo percorso [realizzazione città degli emigranti/opposizione del Comitato, ndr] e voglia manifestatamente inserirsi nell’iter di realizzazione dell’opera mediate l’apposizione del vincolo paesaggistico in tempi certi, vincolo che appare finalizzato più a bloccare la messa in opera del progetto [con le norme di salvaguardia, ndr] che alla tutela di un territorio già gravemente vincolato».
Tra l’altro, la procedura parrebbe essere stata avviata senza il preventivo parere della Regione e questo ne vizierebbe l’iter, tanto che, finora, il sindaco non ha proceduto a pubblicare all’albo dell’ente l’avviso per l’apposizione del vincolo; pubblicazione in seguito alla quale scatterebbero le cosiddette norme di salvaguardia. Per capirci: in attesa che si decida se vincolare o meno l’intera vallata, tutto verrebbe comunque bloccato.
Al riguardo, nella delibera si legge: «sin dall’indomani dell’avvio [della procedura da parte del ministero, ndr] sono giunte puntuali telefonate dalla soprintendenza che chiedevano se questo Comune avesse pubblicato l’atto, essendo probabilmente interessate agli effetti dell’Art.146 del D.Lgs. 42/2004 (norme di salvaguardia) e non ad un formale percorso definito».
Il Consiglio comunale, infatti, si è posto il problema dei danni che potrebbero seguire all’ente qualora proseguisse con il bando per la realizzazione della Città villaggio, obbligandosi verso gli aggiudicatari del relativo appalto ma non potendo più, poi, garantire la realizzazione dell’opera a seguito dei vincoli – anche solo provvisori – sul territorio.
Da qui la decisione di dare indicazione per l’eventuale sospensione del bando di appalto – la quale non spetta al Consiglio ma agli uffici comunali competenti – e di attivare nel frattempo i necessari accertamenti per agire contro i responsabili di eventuali reati o indebite azioni contro l’ente medesimo.
Va detto che, per come è stato redatto l’atto, la medesima delibera già adottata dal Consiglio manifesta più di una ‘notitia criminis’, la qual cosa imporrebbe – e codice alla mano impone – ad ogni pubblico ufficiale di riferirne immediatamente all’autorità giudiziaria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...