Acea. Quel pasticciaccio brutto del ‘minimo impegnato’


Da La Provincia Quotidiano del 5 febbraio 2016

di Cesidio Vano
C’è un pasticciaccio nel pasticcio delle tariffe idriche dell’Ato5 di Frosinone. A mettere il dito nella piaga è l’esposto che i comitati per l’acqua pubblica hanno presentato alla procura della repubblica di Frosinone e che ha dato il via ad un’inchiesta, la quale ha già portato – come vi abbiamo raccontato da queste colonne – la Guardia di Finanza a bussare alle porte di Acea e dell’Ambito territoriale ottimale.
La questione è la seguente: fino al 2013, l’articolazione tariffaria applicata ai consumi prevedeva il ‘minimo impegnato’: ovvero i 108 mc base che il gestore fatturava all’utente, a prescindere dal consumo reale se inferiore. Consumavi 30 mc? ne pagavi comunque 108, benché 78 non erano stati mai erogati, mai usciti dal rubinetto. Questo ha comportato che fino al 2014 – anno in cui il minimo impegnato è stato eliminato come chiedeva la legge e sostituito con le quote fisse – Acea Ato5 ha fatturato circa il 30% in più rispetto agli effettivi mc erogati. Un 30% in più – esistente solo sulla carta – che ha avuto poi ricadute nel momento in cui, ad esempio, si sono ripartiti i conguagli (compreso quello da 75 milioni di euro) – da caricare in bolletta. Questa la tesi dei comitati.
Ma c’è anche di più: negli ambiti territoriali in cui era ancora applicato il minimo impegnato, come a Frosinone, l’assemblea dei sindaci non doveva adottare il nuovo metodo tariffario transitorio predisposto dall’Authority e questo, proprio per evitare le possibili storture volumetriche. In Ciociaria, nonostante il minimo impegnato, si è fatto il contrario: facendo scattare da subito (a valere dal 2012) aumenti tariffari che potevano essere, invece, molto più contenuti.
Una riprova delle fatturazioni per consumi “fantasma” – dicono i comitati nell’esposto – starebbe nel fatto che dal 2014, quando il minimo impegnato è stato cancellato, il valore dei mc realmente erogati si è all’incirca allineato a quello dei mc fatturati. Le ripercussioni di tale pasticcio e le eventuali ricadute in termini di responsabilità sono ora al vaglio della magistratura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...