Sanità, Macroaree ‘bocciate’


Da La Provincia Quotidiano del 25 ottobre 2010

«Non è possibile che tutto converga su Roma e le province non abbiano un minimo di autonomia sanitaria». Il rettore dell’università La Sapianza, Luigi Fati, “boccia” le macroaree previste dal piano regionale di riordino della rete ospedaliera e spiega: «Nell’ambito delle grandi linee del piano sanitario della Polverini, che è condiviso, bisognerà dopo l’ok del governo rivedere le aree: non è possibile che tutto converga su Roma e la Provincia non abbia un minimo di autonomia sanitaria, anche perché questo provoca sprechi». Il rettore continua: «Se uno si ricovera a Viterbo, Latina, Rieti e Frosinone e poi l’ultra specialistica la trova a Roma, si ricovera due volte ed è quindi un vero spreco».
La dichiarazione del rettore è giunta nel corso della visita del leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, e del vicepresidente della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti, al pronto soccorso pediatrico del policlinico Umberto I della Capitale. 

Fiorito & Montino: l’un contro l’altro armato
Alla guida di due contrapposti drappelli: sono il capogruppo regionale del Pd Esterino Montino, da un lato, e il capogruppo regionale del Pdl Franco Fiorito, dall’altra, che si combattono e si rintuzzano quotidianamente – non solo in materia di sanità ovviamente – a colpi di comunicati stampa che spesso sono delle vere e proprie nerbate!
Ecco l’ultimo botta e risposta a distanza tra i due capigruppo, prima della pausa per il fine settimana:
L’attacco di Fiorito: «Ecco! Montino è tornato. Questa volta tratta l’argomento rifiuti. Siamo al paradosso dei paradossi: Montino miscela sanità e rifiuti, due materie che durante la gestione del centrosinistra guidato dal pluri-commissario Marrazzo erano particolarmente deficitarie.
Montino ha una gran bella faccia tosta e dimentica che fu proprio durante la sua reggenza che si blocco il piano dei rifiuti voluto dal commissario Marrazzo. Ma nella piena tradizione del “pensiero Montino” adesso la colpa dei rifiuti è da attribuire al sindaco di Roma e alla maggioranza che oggi guida la Regione Lazio.
Certe volte Montino supera le fantasie più distorte. Hanno governato questa regione per ben cinque anni; hanno governato il comune di Roma per ben sedici anni; hanno prodotto zero risultati e adesso ci danno la lezioncina dei bravi amministratori. Non si era mai visto prima un vice che sfiducia le decisioni prese dal suo presidente. Tutto questo solo per non urtare i precari equilibri che reggevano quella maggioranza in vista delle elezioni regionali. Con un gioco di parole si potrebbe dire che il reggente ha commissariato le decisioni del commissario presidente Marrazzo. Una confusione tutta a sinistra. In politica si commissariano solo i fallimenti. Voi ne sapete qualcosa, vero Montino?»
La risposta di Montino: «Il capogruppo Pdl alla Regione Lazio, Fiorito è persona socievole e simpatica. Per questo in genere quando è in evidente difficoltà si lancia in dichiarazione tanto vuote quanto strampalate, come quella odierna. E’ cosi surreale che non merita commenti. Però, se non erro, anzi non erro, l’attuale capogruppo Pdl è lo stesso che nel 2009, chiamò a raccolta i cittadini di Anagni e li guidò in una storica e sproporzionata occupazione dell’ospedale. Noi volevamo chiudere solo un reparto, e per di più , nei nostri piani era prevista la costruzione di un nuovo ospedale. Oggi la Polverini di Fiorito quell’ospedale lo ha semplicemente spianato. Continuiamo a credere che il capogruppo Pdl soffra in cuor suo per questa decisione e anzi proprio non la condivida. Però ha taciuto, non ha mosso un dito per salvare l’ospedale di Anagni. Ritrova verbo e veemenza da capopopolo battuto solo per esternare contro il Pd. Comprensibile, la politica delle volte è dura, e militare oggi nel Pdl, ancora di più. Aggiungi che bisogna sostenere per forza la Polverini e si capisce che molti argomenti vengono a mancare. La politica Pdl oggi richiede di pensarla in un modo e di comportarsi esattamente all’opposto. Insomma il Pdl , ormai si è capito, non va preso sul serio, è un partito che ha mutato la sua ragione sociale a “solo chiacchiere e distintivo”. Solidarietà a Fiorito».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...