Frosinone/ Provincia: «Quella seduta è nulla»


Da La Provincia Quotidiano del 5 agosto 2010

Continua lo scontro tra centrodestra e centrosinistra in amministrazione provinciale dopo l’ultima seduta del Consiglio che ha visto mancare il numero legale; l’opposizione aveva quindi abbandonato l’aula, mentre la maggioranza, dopo aver recuperato un consigliere, aveva ripreso i lavori procedendo, da sola, all’approvazione dei tutti gli argomenti. Ieri, l’assessore Giuseppe Paliotta aveva stigmatizzato le accuse di illegittimità dell’operato della maggioranza giunte dall’opposizione. Oggi, Antonio Cinelli, capogruppo del Pd, replica:
«E’ sorprendente leggere le dichiarazioni dell’Assessore Paliotta sulla stampa che pretende di salire in cattedra con la matita blu mentre dovrebbe provare solo imbarazzo per usare un eufemismo, per quanto accaduto il 2 agosto in Consiglio Provinciale. Come si fa a rimanere in un’aula Consiliare dopo che il Segretario Generale ha constatato la mancanza del numero legale invitando il Presidente a dichiarare sciolta la seduta! L’assessore Paliotta parla di cavilli confondendo il rispetto del regolamento e delle leggi con qualcosa di superfluo utile solo a disturbare il manovratore. L’Assessore Paliotta avrebbe dovuto protestare quando dopo circa un anno di ritardo il suo Presidente non concedeva la grazia di portare in Consiglio le linee programmatiche, approvando preventivamente un bilancio di previsione illegittimo. L’assessore avrebbe dovuto gridare allo scandalo quando, in mancanza del numero legale, il suo Presidente azzittiva il Segretario Generale ed un inesistente Presidente del Consiglio per dare, in diretta, una prova di attività illegittima.
Nessuno dei componenti della maggioranza può essere soddisfatto di quanto accaduto il due agosto in una sede istituzionale, qual è l’aula del Consiglio Provinciale e se non interverrà nei prossimi giorni nessun provvedimento in autotutela, avremmo registrato la pagina più buia della storia amministrativa della nostra Provincia.
All’Assessore Paliotta non dovrebbe sfuggire che, quanto si calpestano in modo così evidente le regole, difficilmente poi si riesce a dare risposte serie ai cittadini, a prescindere dalle dichiarazioni propagandistiche a cui assistiamo tutti i giorni e di cui si chiederà conto nei prossimi mesi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...